Rosalba Carriera, il segreto nello sguardo

Pubblicato: gennaio 23, 2013 in Uncategorized

Il_segreto_nello_sguardoIl diario di Rosalba che diventata cieca e racconta la sua vita è scritto in un modo così piacevole che sembra di entrare in contatto con tutti i personaggi. Che bella pensata aver fatto raccontare a lei la sua vita!

“Questo romanzo è frutto di una ricerca storica reinterpretata alla luce di una personale rilettura delle opere di Rosalba Carriera e delle vicende della sua vita descritte o alluse nei suoi carteggi privati. I protagonisti del romanzo sono tutte persone reali, da lei conosciute e ritratte. Sono frutto di invenzione –perché non ancora ritrovati o riconosciuti dalla critica- soltanto i ritratti di Christian Cole e del maresciallo Schulenburg”.

Nata a Chioggia nel 1675, Rosalba Carriera studia da giovanissima musica e pittura. Il padre, morto nel 1719, la avvia alla pittura sotto la guida del Lazzari, del Diamantini e di Balestra e Steva, tra i migliori artisti del tempo. Il cognato, Antonio Pellegrini sposato alla sorella Angela, è stato l’ambasciatore della pittura veneziana di allora:

“Settembre 1728. Mio cognato Antonio Pellegrini era il più noto dei pittori italiani itineranti d’Europa. Dopo i successi di Londra, Parigi e Dresda era stato chiamato dall’Imperatore alla corte di Vienna. Vi risiedeva, con Angela, offrendo nuova prova del suo talento nell’affrescatura della cupola della chiesa delle Salesiane, leggera, dolce, vaporosa”.

Rosalba ottiene riconoscimenti in tutta Europa: grazie al suo amico Chrstian Cole entra a far parte dell’Accademia di San Luca a Roma e dell’Accademia reale di Francia durante il suo soggiorno parigino, ospite di Pierre Crozat e di Antoine Watteau. Con Watteau intreccia un’immaginaria relazione amorosa, anche se “l’idillio tra Rosalba Carriera e Antoine Watteau è uno sviluppo fantasioso di una fugace citazione di Walter Pater in An Imaginary Portrait, London 1867”.

15_Autoritratto-jpg

“Nel 1720 non ero certo più una giovinetta. Ero una donna matura di 46 anni, eppure la scarsa avvenenza della mia persona, cagione di tanta malinconia in gioventù, si era trasformata in un fascino garbato. Ero propensa a credere che l’incoerente complimento di cui talvolta ero oggetto, di essere migliorata con l’età, fosse dovuto non tanto al mutato aspetto fisico quanto alla mia immagine di arguta pittrice e, soprattutto, alla mia sicurezza e indipendenza. Questo aspetto della personalità mi rendeva diversa dalla maggior parte delle donne, civette asservite e interessate solo ad abiti e gioielli, e affascinava gli uomini. L’ammirazione negli occhi dei miei interlocutori maschili non si accendeva al primo incontro, ma solo dopo aver sostenuto con me un pacato confronto di opinioni e di gusti e avere osservato il mio comportamento privo di sudditanza. Il mio mondo sentimentale era per tutti un giardino chiuso”.

Ritratto di Antoine Watteau. Treviso, Museo Civico, pastello su carta.

Ritratto di Antoine Watteau. Treviso, Museo Civico, pastello su carta.

A Parigi rimane dal 1720 al 1721, ritrae anche Luigi XV che,  molto giovane, regnava sotto la reggenza di Filippo d’Orleans e del cardinale Guillaume Dubois. Rosalba è contesa dalle corti più illustri e la sua committenza, per lo più straniera, colta ed esigente, veniva soddisfatta dalla pittrice che aveva creato un atelier tutto femminile nel quale operavano anche le due sorelle e le celebri ceselliste Felicita Sartori e Maruinanna Carlevaris. Le opere della Carriera inaugurano la serie di dipinti veneziani del Console Smith, padrone della più bella collezione di pittura contemporanea; il notaio del Console, Carlo Gabrielli, era padrino della pittrice e Smith era grande amico di Christian Cole.

“Mister Smith si ritenne in dovere di spiegare al francese che il 16 agosto il Doge, accompagnato dai Segretari, dal Guardian Grande e dal Gran Cancelliere della Scuola di San Rocco e dalle delegazioni diplomatiche straniere, si reca in processione alla chiesa della Scuola in ricordo della pestilenza del 1575. La festa è molto amata dagli artisti poiché in quel giorno la Confraternita concede ai pittori di esporre le loro opere alle pareti della Scuola e delle case del Campo. «Uno spettacolo veramente pittoresco per gli stranieri in città, e un’occasione ghiotta per gli affari dei collezionisti», disse”.

La festa di San Rocco. Canaletto, 1735 ca., Londra, National Gallery

La festa di San Rocco. Canaletto, 1735 ca., Londra, National Gallery

A Venezia Rosalba ritrae le persone più note, tra queste mi affascina  Caterina Sagredo che con queste parole le illustra l’opera del Longhi ancora oggi in ottimo stato:

“Cara Rosalba della vostra bravura mi aveva parlato il signor Piero Longhi quando più di un lustro fa dipinse la Caduta dei Giganti per il nostro palazzo in Santa Sofia. Mia madre Cecilia è una sua grande estimatrice e gli ha commissionato anche numerosi ritratti della nostra famiglia. Ora si sta interessando a un giovane di talento, il signor Giambattista Tiepolo, ma vuole attendere gli sviluppi della sua arte prima di affidargli l’incarico di affrescare una nostra proprietà”.

Caterina Sagredo Barbarigo

Caterina Sagredo Barbarigo

Storico dell’arte e docente al Liceo di Cittadella, Valentina Casarotto si interessa di storia dell’arte veneta e si è specializzata nel collezionismo numismatico in età moderna. Tiene conferenze di storia dell’arte a scopo divulgativo e didattico, collabora con la casa editrice Zanichelli per progetti di didattica multimediale e ha lavorato per molti anni alle Gallerie dell’Accademia di Venezia, dove di fronte ai ritratti a pastello di Rosalba Carriera è nata e cresciuta l’idea del suo primo romanzo. Attualmente sta conseguendo il Dottorato di ricerca all’Università di Udine.

Rosalba Carriera, autoritratto, Royal Collection Levy

Rosalba Carriera, autoritratto, Royal Collection Levy

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...