Edgar Allan Poe “Racconti sensazionali”, Marsilio, a cura di Carlo Martinez

Pubblicato: giugno 12, 2014 in Uncategorized

Marsilio Poe

Questo intrigante libro uscito in aprile, è arrivato l’altro giorno dopo aver fatto la strada dell’orto, in questo paese la posta funziona come tutto il resto, cioè quello che noi contadini abbiamo battezzato PATRASSO. La bibliografia su Poe è sterminata: Marsilio presenta racconti come Il pozzo e il pendolo, Il crollo della casa Usher o I delitti della Rue Morgue in una nuova traduzione, continuando ad avvincere il lettore moderno per la straordinaria tensione narrativa.

Confesso che per la prima volta leggo il mio adorato Poe in italiano ed è una meravigliosa scoperta. I testi in inglese sono affastellati, pieni di sottintesi, richiami, metafore: il lettore deve cercare di interpretarne il linguaggio con gran fatica per impadronirsene. E’ un autore tutto nuovo, forse più bello perché riesco a capirlo; le uniche parole che riconosco sono quelle fantastiche inserite fra virgolette come “Jardin des Plantes” “de nier ce qui est, et d’expliquer ce qui n’est pas” e via di seguito, sante interruzioni che ti permettono di respirare e interpretare il misterioso testo, sempre diverso e incomprensibile ad ogni attacco facendoti sognare, cosa che fin da bambina mi ha sempre affascinato.

A Villa Machiavelli col nonno Vail ogni mattina facevamo mezz’ora di esercizio d’inglese su uno dei quattro libri di Wilmot (1850-1856), una delle chicche della sua biblioteca che entrambi adoravamo. Purtroppo coll’avvicinarsi della guerra, essendo americano, dovette vendere la proprietà e rientrare di corsa a Santa Barbara con la nonna. Il personaggio che ci ha sempre incantato era PLUTO:

“Mi avvicinai e, come fosse scolpito a bas relif sulla superficie bianca, vidi la figura di un gigantesco gatto. L’immagine era resa con un’accuratezza davvero stupefacente. L’animale aveva una corda attorno al collo. (…) Era un gatto nero, molto grande, tanto quanto Pluto e molto simile a lui sotto ogni aspetto tranne uno. Pluto non aveva nemmeno un pelo bianco sul corpo; questo gatto invece, aveva una grossa, per quanto indefinita, macchia bianca che gli copriva quasi tutta l’area del petto”.

Avevo un gatto birmano enorme avanti negli anni, Rama, un grande amico. Dormiva in camera mia sul termosifone davanti alla vetrata su un cuscino verde che sfumava nel prato del giardino, con un occhio sempre chiuso e uno aperto come Pluto, tanto che dovevo sempre mettergli le goccioline. Ogni tanto mi svegliavo, lo chiamavo, si stiracchiava, mi faceva un sorriso e rientrava nel suo nirvana, sempre con un occhio chiuso!

sacro-di-birmania

Probabilmente lo stesso Poe ebbe una gatta nera, come rivela in Istinto contro ragione (1840) in cui sostiene che tutti i gatti neri in realtà sono streghe.

Nel febbraio del 1849 “anno della sua misteriosa e tragica morte, in una lettera all’amico Frederick W. Thomas, Poe scrive: «La Letteratura è la più nobile delle professioni. La sola, in realtà, consona all’uomo. Per quanto mi riguarda, non verrò mai sedotto da altra via. Rimarrò un littérateur per tutta la vita».”

 zpoeimgi

* * *

Edgar Allan Poe

Racconti sensazionali

edizione con testo a fronte a cura di Carlo Martinez

Marsilio, Venezia 2014

* * *

 

Carlo Martinez insegna lingua e letterature angloamericane presso l’Università G. d’Annunzio di Chieti-Pescara. È autore di L’arte della critica. Ideologia estetica e forma narrativa nelle Prefazioni di Henry James (2001) e Poe’s Balloonin’: Hoax Writing, Journalism, and the Literary Field (2008), su E. A. Poe, R. W. Emerson, D. F. Dorr, M. N. Murfree, H. James, e L. M. Silko.

the raven

Ecco il frontespizio di “The Raven”, un esempio di una raffinatissima edizione dell’epoca illustrata da Raffaello Busoni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...