CENTENARIO DELLA GRANDE GUERRA

Pubblicato: luglio 24, 2014 in Uncategorized

maciste_alpino_1916

Il 26 agosto la Biennale celebrerà la preapertura della 71° Mostra del Cinema con la proiezione in anteprima di “Maciste l’alpino” (1916) di Luigi Maggi e Luigi Romano Borgnetto, considerato come uno tra i migliori film di propaganda bellica prodotto in Italia nel corso della Prima guerra mondiale.

Quest’anno sono cento anni dall’inizio della prima guerra mondiale. Ogni giorno tutti ne parlano e le celebrazioni sono diventate quotidiane: sono morte 35 milioni di persone, di cui più della metà vittime innocenti.

Dobbiamo proprio a questa tragedia l’unità d’Italia, per la prima volta questa mescolanza eterogenea è diventata uno stato: l’Italia Moderna.

Guerra_Altipiani_Dopo_Assalto

Le manifestazioni di questi giorni hanno rispolverato ricordi assopiti di un mondo oggi scomparso, rivivo esperienze di tempi lontani che da bambina mi hanno colpito profondamente.

latrincea11

Si è aperta una finestra su di un passato lontano: le storie spaventose delle peripezie degli abitanti della pedemontana intrappolati nell’invasione austroungarica dopo la disfatta di Caporetto, un disastro dovuto all’incoscienza di generali tromboni ed incompetenti, esemplari di mentalità a preparazione tipicamente ottocentesca; la Carlotta mentre stirava i miei odiati grembiulini bianchi inamidati, che mi facevano sentire intrappolata nella vergine di Norimberga, mi raccontava dello stato di pericolosa indigenza degli abitanti della pedemontana.

prima_guerra_mondiale_mitragliatrice

Gli invasori avevano razziato tutto e per mangiare si spingevano sulle grave del Piave, che era diventato lo sbarramento tra i due eserciti. I soldati arruolati in gran fretta in tutta l’Italia parlavano dialetti diversi non riuscendo a capirsi tra loro mentre tra gli invasori c’erano parenti, a volte fratelli, che combattevano su fronti opposti e c’erano molti più legami fra nemici che fra alleati. Le donne di notte con le lanterne al sorgere del sole andavano a raccogliere erbe per sopravvivere mentre i soldati italiani dal Montello ne facevano tiro a segno.

image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...