Mastroianni, Le Crode e le code dei topi

Pubblicato: novembre 24, 2014 in Uncategorized

In questo momento è finito il film sulle Fosse Ardeatine, dove Mastroianni, nella figura del prete, mi ha commosso aprendo uno squarcio su tempi passati.

Marcello Mastronianni

Marcello era già malato e stava girando un film. A Soligo in palazzo Brandolin c’era Messeghè, un centro di benessere dove il produttore del film aveva parcheggiato l’attore. Mastroianni era venuto a Collalto con Fellini e la sua truppa e con Andrea Zanzotto che aveva appena partecipato alla Nave va perché volevano fare un film sui luoghi della grande guerra, per fortuna la cosa non è andata in porto forse proprio per colpa mia.

Andrea-Zanzotto_290x435

Era una bella giornata di sole autunnale, ero in granaio con l’Emma ad appendere l’uva garganega sui ganci per l’inverno e a Pasqua per fare il passito da bere con le mie magiche crostate che Zia Mimi mi aveva insegnato. Vedo una sfilza di macchine che invece di fermarsi all’incrocio, sollevano la spranga che blocca la strada verso la casa. Scendo di corsa le scale, libero i cani che bloccano gli intrusi all’altezza della sorgente.

Tudy e i cani

Vedo affacciata al finestrino del primo macchinone la faccia di Andrea che aveva tirato su i vetri dei finestrini perché la mia banda di cani stava facendo il suo dovere. Mi avvicino ridendo della loro paura e chiedo perché sono venuti. Zanzotto mi dice che vogliono vedere il luogo scusandosi di non avermi avvisato. Chiamo l’Emma, faccio legare i cani e invito nel cucinone i malcapitati offrendo un bicchiere del mio prosecco per tirarli su di susta. Andrea mi presenta Fellini che ho pensato vada perfino a letto col cappello in testa.

Fellini e Mastroianni

Fellini con un’aria da ras di provincia mi dice che vogliono girare un film sul paesaggio e vedere i luoghi, mentre la sua banda comincia a salire le scale, entrare nelle camere, aprire le finestre, toccare i miei libri, mangiare il pane appena sfornato e prendere la frutta dal grande piatto al centro del tavolone facendomi incazzare. Mi volto e vedo uno di loro che prende in mano il mio crup, carico, senza sicura perché avevo appena sparato sul fico facendo cascare le foglie sui cretini che, entrati passando sotto i fili spinati, mangiavano la mia uva. Preoccupata, brinco il fucile e corro dietro a quelli che salivano le scale facendo scappare tutti a gambe levate. Anni dopo sulle scale dell’Excelsor, dove all’inaugurazione del Festival stavo mangiando con la Laura Betti, mi racconta tutta la storia facendomi ridere.

Laura Betti

L’unico che non si era spaventato era Mastroianni, che giorni dopo mi telefona per chiedermi se poteva venire a trovarmi. Lo aspetto il pomeriggio, arriva, apprezza il prosecco e mi aiuta a fare la cernita delle nespole che si erano maturate in cantina, apprezzandole. Andiamo a prendere il vino, per offrirglielo, e troviamo due topi che rosicchiato i tappi dell’olio del Garda: avevano le code nella bottiglia per poi leccarsele. Ci viene da ridere e ci troviamo simpatici. Marcello si offre di darmi una mano: lo lascio venire perché era in castigo da Messeghè. Il giorno dopo arriva in bicicletta la mattina presto, facciamo il giro della proprietà con i cani a cui l’avevo presentato con buoni bocconi di maiale, spiegando che i capibanda erano Mustique e Sginfa. Gli faccio vedere la legna per il camino, gli raccomando di tenere la caliera sempre piena d’acqua per controllare le braci, gli spiego come si accende la cucina economica, dove sono le provviste e di sentirsi a casa sua, tutto condito dal prosecco che lo rinfranca. Lo presento ai contadini e vado a Venezia contenta. Al mio ritorno, le bottiglie dell’olio erano appese alle travi della cantina protette da lattine di scatole di piselli, Marcello era felice e tutto sembrava una reggia!

Le crode in primavera

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...