Archivio per marzo, 2015

Venice – la Serenissima

Pubblicato: marzo 26, 2015 in Uncategorized

Nel 2012 ho preso parte al documentario “Teorema Venezia” dell’amico Andreas Pichler che così presenta il film nel sito della sua casa di produzione, la Miramontefilm:

La città l’anno scorso ha ospitato 20 milioni di visitatori e quest’anno aumenteranno ancora. Ma questo numero va messo in relazione con i soli 50.000 abitanti stabili, un numero che è in calo visto la crescente invivibilità della città. Così come stanno andando le cose, nel 2030 non ci saranno più veneziani, dato che la città si è trasformata in un incubo per i suoi abitanti (…) Questo film racconta storie di vita prese nel vortice del turismo mondiale: un settore che divora le basi stesse della sua esistenza”.

Teorema Venezia ha avuto un grosso successo ed è stato proiettato in mezzo mondo, da New York a Monaco. Grazie a questo documentario ho avuto l’opportunità di conoscere tante persone che si sono messe in contatto con me per condividere i loro sentimenti sulla città e sulla sua distruzione. Tra queste, Petra Illenseer che nell’ottobre del 2014 mi ha inviato un suo testo sulla fragilità di Venezia che fa pensare agli innumerevoli problemi che col passar del tempo non solo non vengono risolti ma si aggravano.

Avevo lasciato lo scritto di Petra sulla mia scrivania per risponderle e facendo ordine è andato a finire sotto un mucchio di libri: l’ho cercato disperatamente per mesi senza esito, allora ho usato il mio metodo: offrire 5 euro a Sant Antonio per ritrovarlo! Così pochi giorni fa, passando ho dato per sbaglio una spinta a una montagna di libri che è cascata facendo saltare fuori il bel testo. Ecco cosa scrive Petra sul suo modo di sentire Venezia:

Venice – La Serenissima

“La Serenissima”, the most serene, is like an old, dying harlot – yet still most capable of selling herself. It almost appears, that older she gets, the better she sells.

Oh yes, she knows business well!

Infecting you, she conjures sheer addiction, penetrating you bluntly with her total essence, she captures every single cells of yours.

She charms you well to fall in love with her.

But for all that – she also challenges you, pretending to be dismissive, ungracious even, she disregards you shamelessly – merely a little game though, to figure out if you do truly love her.

Perhaps you may respond to her “Never ever – I shall return to you”.

And all she does is falling into laughter, knowing better.

Being so truly sure of her uniqueness, she knows that there is no other – nowhere to be found.

Most certainly she can afford to not be endearing only, this city made of stone and water.

And you believe, that once you did leave her for her good, you might eventually forget her, too?

Your wish is to return to your world, a long way off from her.

At last when you imagined you forgot her, you’ve heard the calling out for you again. And there is once more, this old familiar notion of her pulling – you.

Perhaps – she even senses your compassion for this decaying city.

Each single day she is ill-treated by all those countless footsteps walking just all over her.

Crowds and crowds of people penetrating her incessantly moving in and out. 

Day after day, day after day, day after day.

Constant waves of motorboats eroding her foundations, debris left behind is suffocating her.

Sometimes she is so full of sorrows crying bitter tears , then “Acqua Alta” is, the flood.

She mourns for all those who have left her for the Terraferma, the mainland. Gone away from this inflated open air museum by the name of Venice.

This – Venice never wanted.

She never meant to be like that.

It was men who’ve turned her into that, what she appears to be.

Men having made themselves the harlot’s panders, can’t deal with it now anymore.

The creature which they once created is daunting them just dreadfully.

I yearn to comfort her, to touch, to gently caress her – the fragile one, defying decay about far too long.

I wish to make her see her ever shining beauty – for all her long since crumbling make up.

Thus – is this floating city an illusion, a fanciful mirage perhaps?

One lingers under the impression of being in a wondrous dream, arising with her coming into view, and ending as one turns away from her.

You may regard yourself of having dreamt – so wondrous and so rife with mystery appears this city.

So, owing to your most complete surrender, she’ll tell you stories now and then.

Though, never you’ll be able to uncover all of her hidden mysteries. 

One must not pry the secrets out of her, nor shall one disenchant her.

Just wait and see, dear Venice, the time may come when I shall nevermore return.

Your sinking I’ll attend no more than just a quite short interval of time.

You will outlive me without doubt,

you city, standing on mere stilts”.

 

…Se tutti i turisti fossero così sensibili Venezia forse sarebbe salva!

 1024px-Francesco_Guardi_043

Venice la Serenissima

In 2014 I took part in the documentary “Venice Syndrome” directed by my friend Andreas Pichler (Miramontefilm):

The film shows what remains of Venetian life: a subculture of tourists service industries; 20 million foreigners visited the city last year. That’s an average of 60.000 day. And this year it will be more still. By comparison, there are only 48.000 inhabitants, the same amount as they were after the Great Plague of 1438. And next year it will be fewer still. For the city is becoming uninhabitable. Venice’s own urban life has almost collapsed; it scarcely still exists”.

“Venice Syndrome” had a big success and was screened all over the world, from New York to Munich. Thanks to this documentary I has the opportunity to meet so many people who contacted me to share their feelings about the city and its destruction. Among these, Petra Illenseer who sent me – in October 2014 – a text she wrote in 2010 about the fragility of Venice; it reminded me that with the passing of time the numerous problems of the city are not only unsolved but are aggravated.

I had left Petra’s text on my desk, waiting for answer her. Making order among my stuffs it ended up under a pile of books; I desperately looked for it for months with no results until I decided to use an old method: I promised 5 euro to St. Anthony to find it! So, a few days ago, I gave accidentally a boost to a mountain of books that felt on the ground blasting out Petra’s beautiful text. Here what she writes about her way to feel Venice:

Venice – La Serenissima

 

“La Serenissima”, the most serene, is like an old, dying harlot – yet still most capable of selling herself. It almost appears, that older she gets, the better she sells.

Oh yes, she knows business well!

Infecting you, she conjures sheer addiction, penetrating you bluntly with her total essence, she captures every single cells of yours.

She charms you well to fall in love with her.

But for all that – she also challenges you, pretending to be dismissive, ungracious even, she disregards you shamelessly – merely a little game though, to figure out if you do truly love her.

Perhaps you may respond to her “Never ever – I shall return to you”.

And all she does is falling into laughter, knowing better.

Being so truly sure of her uniqueness, she knows that there is no other – nowhere to be found.

Most certainly she can afford to not be endearing only, this city made of stone and water.

And you believe, that once you did leave her for her good, you might eventually forget her, too?

Your wish is to return to your world, a long way off from her.

At last when you imagined you forgot her, you’ve heard the calling out for you again. And there is once more, this old familiar notion of her pulling – you.

Perhaps – she even senses your compassion for this decaying city.

Each single day she is ill-treated by all those countless footsteps walking just all over her.

Crowds and crowds of people penetrating her incessantly moving in and out.

Day after day, day after day, day after day.

Constant waves of motorboats eroding her foundations, debris left behind is suffocating her.

Sometimes she is so full of sorrows crying bitter tears , then “Acqua Alta” is, the flood.

She mourns for all those who have left her for the Terraferma, the mainland. Gone away from this inflated open air museum by the name of Venice.

This – Venice never wanted.

She never meant to be like that.

It was men who’ve turned her into that, what she appears to be.

Men having made themselves the harlot’s panders, can’t deal with it now anymore.

The creature which they once created is daunting them just dreadfully.

I yearn to comfort her, to touch, to gently caress her – the fragile one, defying decay about far too long.

I wish to make her see her ever shining beauty – for all her long since crumbling make up.

Thus – is this floating city an illusion, a fanciful mirage perhaps?

One lingers under the impression of being in a wondrous dream, arising with her coming into view, and ending as one turns away from her.

You may regard yourself of having dreamt – so wondrous and so rife with mystery appears this city.

So, owing to your most complete surrender, she’ll tell you stories now and then.

Though, never you’ll be able to uncover all of her hidden mysteries.

One must not pry the secrets out of her, nor shall one disenchant her.

Just wait and see, dear Venice, the time may come when I shall nevermore return.

Your sinking I’ll attend no more than just a quite short interval of time.

You will outlive me without doubt,

you city, standing on mere stilts”.

If all the tourist were so sensitive, perhaps Venice might be saved!

 1024px-Francesco_Guardi_043

sibili Venezia forse sarebbe salva!

Ricevo da Marcianum press due libri che mi hanno insegnato molte cose!

Inizio con La chiesa e l’ospedale di San Lazzaro dei Mendicanti che è così ben descritta dall’incisione del Carlevaris.

Carlevarjs

Il libro, compilato da 11 autori esperti, indaga l’intreccio tra aspetti socio-economici, amministrativi, medico-sanitari e artistico-architettonici dando particolare attenzione al ruolo dei governatori dell’ospedale che, interagendo con i numerosi benefattori, intervengono nella promozione dell’attività musicale affidata alle putte e nella messa a punto dell’apparato decorativo della chiesa.

Apollo Domenichini

Fabio Tonizzi, direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “San Lorenzo Giustiniani” riporta nell’itroduzione le parole del Papa:

“Dio è nella vita di ogni persona. Anche se la vita di una persona è un terreno pieno di spine ed erbacce, c’è sempre uno spazio in cui il seme buono può crescere. Bisogna fidarsi di Dio”.

Ci riferisce il Tassini nelle Curiosità veneziane (N°618, edizione a cura di Lino Moretti, p. 421):

“Ritrovandosi sotto la Repubblica ai Mendicanti anche fanciulle abbandonate, esse venivano erudite nella musica strumentale, e vocale, in modo che solevano accompagnare col suono e canto le funzioni ecclesiastiche, ed eseguire i celebri oratori. Ciò praticavasi egualmente alla Pietà, Ospedaletto ed Incurabili”.

Guercino, Sant'Elena

Inizialmente le putte cantavano in italiano, ma poi sopratutto durante la quaresima, quando tutti i teatri erano chiusi, cantavano in latino in modo che i foresti potessero godere dei loro gorgheggi: il successo era tale che venivano ricompensate lautamente, passavano le vacanze ospiti nelle ville dei signori lungo la Riviera del Brenta cantando le famose barcarole, ricevevano una cospicua dote e venivano anche fornite di marito benestante se non possedevano cavalieri serventi. Jean-Jacques Rousseau, in visita a Venezia nel 1734, racconta che la bellezza delle voci delle putte aveva evocato in lui l’immagine di un coro di angeliche beltà:

“Fu poi una delusione incontrare di persona le putte nel corso del pranzo: alcune erano sfigurate dal vaiolo, o molto brutte (questi alcuni dei motivi per cui spesso alcune di esse rimanevano a lungo ai Mendicanti: le più piacenti venivano date in sposa, e questo era l’unico modo per loro di poter lasciare l’istituzione)”.

San Lazzaro

Il periodico Pallade Veneta così descrive l’apparato per le Quarantore realizzato ai Mendicanti nel 1688:

“Nel luogo pio dei Mendicanti ammiravasi un’architettura di colonnati, sopra de’ quali posavano dorate cupole in ordine di prospettiva, con rotture di spezzate nuvole et angeli volanti all’intorno del pane sacramentato da quale, con vaghe strisce di veli in propria forma adattati uscivano raggi così luminosi che non invidiavano i naturali del sole (…) Cantarono in tutti quei giorni quelle virtuose signore con non poca soddisfazione del popolo un oratorio in frase latina…”.

chiostro

L’oratorio è una composizione musicale di ispirazione religiosa ma non liturgica che deriva dalla Lauda cinquecentesca; con trama compiuta, veniva presentata in forma narrativa ma senza rappresentazione scenica, mimica e personaggi in costume.

In questo libro viene così bene descritta la vita, l’importanza del canto e della musica nei secoli passati a Venezia; come in tutte le sue chiese, lo spazio esalta il suono come il golfo mistico del teatro, un matrimonio tra musica e architettura.

 Copertina

La chiesa e l’ospedale di San Lazzaro dei Mendicanti

Arte, beneficenza, cura, devozione, educazione

a cura di Alexandra Bamji, Linda Borean, Laura Moretti,

con fotografie di Francesco Turio Böhm

Marcianum Press,

2015

 *  *  *

 Schermata 2015-03-23 a 12.31.57

L’altro testo di Marcianum parla di un mitico personaggio. Venezia, per la sua posizione geografica e per i suoi traffici, era il luogo più esposto al morbo della peste. Per risolvere il problema, vi si inventano due escamotage: il primo Lazzaretto al mondo (1423) e San Rocco, considerato ovunque l’antidoto più efficiente. I veneziani lo trafugano in modo rocambolesco da Montpellier, facendolo diventare uno dei tre protettori della città, insieme al Redentore e alla Madonna Nicopeia.

Ultima-cena-1578-81-VE-Scuola-grande-di-San-Rocco-sala-superiore

Questo libro ce ne illustra la figura in modo esauriente.

Nell’introduzione il Patriarca di Venezia, S. E. Francesco Miraglia, ci riferisce che l’iconografia raffigura San Rocco come un profeta con l’abbigliamento del pellegrino: cappello a falda larga per proteggersi dalla gelida pioggia e dal sole cocente, il mantello a mezza gamba (tradizionale sanrocchino), il lungo bastone con la zucca per l’acqua e la conchiglia al collo per bere alle sorgive.

 Jacopo_Tintoretto_-_Glorification_of_St_Roch

“San Rocco ci viene incontro come un profeta, un testimone che vive immerso sia nel presente come proteso nel futuro”.

A Venezia si venera San Rocco fin dai primi del quattrocento, quando vi erano due confraternite intitolate al Santo, una a San Zulian e una ai Frari. Dopo la famigerata peste del 1477, il 10 giugno 1478, il consiglio dei Dieci fonda la Scuola composta di uomini e donne che il 31 agosto diventa Scuola Grande. Di carattere religioso, le Scuole Grandi si dedicavano alla devozione di un santo o alla penitenza ed erano quelle di importanza maggiore; la differenza fra Scuola Minore e Scuola Grande fu sancita dal Consiglio dei Dieci attorno alla metà del Quattrocento.

40062-view-of-campo-di-san-rocco-tintoretto

Le reliquie del Santo arrivano a Venezia solo nel 1485: la sua importanza è tale che si costruisce una chiesa a lui dedicata dove le spoglie sono conservate ai piedi dell’altar maggiore. La Scuola decide di fare un concorso per ornare gli edifici, che fino a allora erano degli spazi vuoti e Tintoretto volle affrescare gli interni come ringraziamento in quanto San Rocco aveva guarito i suoi familiari dalla peste. Come amico dei costruttori realizzò un telero talmente bello che ricevette l’incarico, ma le proteste dei concorrenti furono tali che decise di fare il lavoro gratis. San Rocco ha avuto così il suo Pantheon.

 San Rocco copertina

Il cammino devozionale di San Rocco in Italia. Storia, arte e tradizione

Atti del convegno tenutosi nella Scuola Grande di San Rocco in Venezia

11 maggio 2013

Marcianum Press,

2015

Altri libri di Marcianum Press:

La chiesa di San Bartolomeo e la comunità tedesca a Venezia, a cura di Natalino Bonazza, Isabella di Lenardo, Gianmario Guidarelli

Dandula, l’ultimo sorriso di Mozart, di Paolo Cattelan

La chiesa di Santa Maria di Nazareth e la spiritualità dei Carmelitani scalzi a Venezia, a cura di Giacomo  Bettin e Martina Frank

La collezione epigrafica del Seminario Patriarcale di Venezia (secolo XII-XV), a cura di Lorenzo di Lenardo

Sguardi sull’invisibile, di Caterina Piccini da Ponte

La chiesa di Santo Stefano, gotico veneziano, a cura di Peter Lauritzen

Lumachine-di-mare-716x260

Mi è arrivato dalla Marsilio un libretto di 96 pagine diviso in tre parti che mi ha molto interessato: è la storia di un ufficiale di antica famiglia nobiliare proveniente dalla Boemia trasferitasi al Nord al seguito dei cavalieri teutonici di stanza a Venezia dal 24 gennaio al 18 febbraio 1830.

Quadro di A. Pock del 1896 che raffigura il 4º Reggimento di fanteria %22Ordine dei Cavalieri Teutonici%22

Otto Ferdinand Dubislav von Pirch giunge a Venezia partendo dall’Ungheria. Di profonda cultura francofona si confronta con la città in modo personale facendoci scoprire una Venezia diversa.

pirch

Il titolo del libro “caragoli” (caragoi in dialetto veneziano) ne suggerisce il contenuto particolare:

«Ho dato a queste comunicazioni il nome delle piccole conchiglie veneziane che, rinvenute facilmente e infilate l’una accanto all’altra, ricevono il loro valore dalla luce nella quale si osservano».

«A Venezia l’ufficiale fa conoscenza delle caragoli. Si tratta, come riferisce, di “conchiglie saporite e luminescenti” che, svuotate d’ogni funzione d’uso e, per così dire, rovesciate, sono convertite in un oggetto estetico, così da fornire la materia prima per il “gioiello preferito delle veneziane”, per diademi, collane e bracciali».

Schermata 2015-03-18 a 12.27.07

L’autore si rivolge al suo interlocutore con il tu in un modo moderno per l’epoca rivelando il programma nascosto dell’oggetto della narrazione come dell’oggetto narrante (psicotopografia):

«In tal senso Caragoli appartiene di diritto al genere della letteratura di viaggio che racconta l’esperienza di un soggetto narrante, in questo caso le memorie di un ufficiale desideroso di “assorbire con forza e per intero” la vita della città lagunare».

«La Venezia descritta non equivale a uno spazio di finzione: l’oggetto della narrazione non è il “vero”, ma il “verosimile”, ossia la raffigurazione persuasiva di una situazione esistenziale».

Otto von Pirch nasce il 1° maggio 1799 a Bayereuth, dove suo padre presta servizio. Sin da piccolo gode di una buona educazione e frequenta lo scrittore Johann Paul Friedrich Richter, tanto da crescere nella sua casa. Nel 1807 si trasferisce con la famiglia prima a Potsdam e poi a Berlino concludendo i suoi studi al Gymnasium Regium Joachimicum. A sedici anni prende parte come volontario e in seguito nel reggimento Gare di Corps, alle battaglie di Ligny e Belle-Alliance.

dragoni dell'esercito austriaco

Dal 1821 lavora presso l’ufficio topografico dello Stato maggiore a Berlino, specializzandosi in geodesia. Dopo aver visitato l’Ungheria, la frontiera militare austro-turca, la Slavonia e la Croazia, Otto von Pirch raggiunge finalmente l’Italia.

Simonetta Sanna è professore ordinario di Letteratura Tedesca presso l’Università di Sassari. Già preside di Facoltà di Lingue e Letterature Straniere e presidente dell’Associazione Italiana di Germanistica, ha pubblicato numerosi studi sul Settecento tedesco e il teatro di G. E. Lessing, su G. Büchner, la letteratura moderna e contemporanea, in particolare sull’opera di A. Döblin, R. M. Rilke e F. Kafka, la rappresentazione della follia, ermetismo e le immagini letterarie.

 Schermata 2015-03-18 a 12.19.48

Simonetta Sanna

Caragoli (1834) di Otto Ferdinand Dubislav von Pirch

Un ufficiale prussiano a Venezia

Marsilio Editori

2014

*   *   **   *   **   *   **   *   **   *   **   *   **   *   *

Altri volumi di Marsilio recensiti nel mio blog:

“In difesa di Pio XII” di Giovanni Maria Vian

“Americani a Firenze”, catalogo della mostra

“La cena in casa di Levi di Paolo Veronese. Un processo riaperto” di Maria Elena Massimi

“Viaggiatori di nuvole” di Giuseppe Lupo

“Racconti sensazionali” di Edgar Allan Poe

Per Natale è arrivata una vera chicca, per fortuna leggermente in ritardo così da avere il tempo di gustarla in tutto il suo interesse dopo aver eliminato le cose urgenti.

Questa guida è stata scritta per chi sente il bisogno di sapere e, di conseguenza, di vedere di più. Essa infatti intende colmare la lacuna tra le guide coincise e una sterminata biografia scientifica”.

Schermata 2015-03-02 a 12.03.13

Il libro amplifica ed esalta dubbi, incertezze, stratificazioni, simbologie religiose politiche e storiche su questo monumento che possiamo considerare come cuore di Venezia. Bisogna inserire la chiesa nel suo contesto, affacciandosi dal budello che congiunge la Salizada San Marco al campiello in quanto ne rimane la parte più antica

Girato l’angolo, ci si perde nella facciata: sembra di toccare con mano le infinite inserzioni che in alcuni pannelli fanno pensare addirittura al Tibet.

4

Ci si ubriaca sprofondando nei suoi dettagli.

640px-San_Marco_cathedral_in_Venice

Spaventati dall’emozione, si arretra di mano in mano, il cuore batte, ogni dettaglio si compenetra ricreando per magia una perfetta unità stilistica e simbolica fino a sperare di impadronirsene immagati, cosa impossibile! Ci si precipita a guardarla dal fondo della piazza dove iniziano i mille perché: quali sono i significati profondi? Come è possibile tale bellezza con elementi così diversi? Da dove giungono?

Wolters spiega tutto, ma sono troppo ignorante per capire qualche cosa e mi rifugio nei particolari… penso al Divina proporzione di Luca Pacioli quando guardo il pavimento dell’ingresso della porta di Sant’Alipio, nella cappella del cardinale Zen, dove si apriva la Porta da Mar chiusa nel 1508 per lasciar posto al monumento del Cardinal Zen eseguito nel 1515 dal fonditore Pietro Campanato su disegno di Tullio e Antonio Lombardo, Paolo Savin e Giambattista Bregno di cui sono innamorata fin da bambina.

 sanmarco3

Wolfgang Wolters è professore emerito alla Technische Universität di Berlino e ha da molti anni profuso il suo impegno scientifico e concreto per la salvaguardia di Venezia. Ha scritto e curato numerose opere fra le quali: Storia e Politica nei dipinti di Palazzo Ducale (1987), Venezia: l’arte del Rinascimento (1989), Il Palazzo Ducale di Venezia (1990), L’architettura gotica veneziana (2000) e Santa Maria dei Miracoli a Venezia (2003), Architettura e Ornamento (2007).

06._San_Marco_a__53905ef1eb921

 *   *   *

Wolfgang Wolters, San Marco a Venezia

Cierre Edizioni, 2014

 *   *   *

Qui i link ad altre mie recensioni di volumi editi da Cierre:

Tommaso Cevese, Verona, la città e il territorio

Rita Vianello, Il Gondoliere

Giovanni Puppini, Venezia Anni Sessanta

Pier Paolo Frigotto, Di casa in casa: i vecchi mestieri ambulati nel Veneto

Giovanni Matteo Alberti, Storia dell’Isola del Cavallino e sue coltivazioni