Wolfgang Wolters, San Marco a Venezia

Pubblicato: marzo 2, 2015 in Uncategorized

Per Natale è arrivata una vera chicca, per fortuna leggermente in ritardo così da avere il tempo di gustarla in tutto il suo interesse dopo aver eliminato le cose urgenti.

Questa guida è stata scritta per chi sente il bisogno di sapere e, di conseguenza, di vedere di più. Essa infatti intende colmare la lacuna tra le guide coincise e una sterminata biografia scientifica”.

Schermata 2015-03-02 a 12.03.13

Il libro amplifica ed esalta dubbi, incertezze, stratificazioni, simbologie religiose politiche e storiche su questo monumento che possiamo considerare come cuore di Venezia. Bisogna inserire la chiesa nel suo contesto, affacciandosi dal budello che congiunge la Salizada San Marco al campiello in quanto ne rimane la parte più antica

Girato l’angolo, ci si perde nella facciata: sembra di toccare con mano le infinite inserzioni che in alcuni pannelli fanno pensare addirittura al Tibet.

4

Ci si ubriaca sprofondando nei suoi dettagli.

640px-San_Marco_cathedral_in_Venice

Spaventati dall’emozione, si arretra di mano in mano, il cuore batte, ogni dettaglio si compenetra ricreando per magia una perfetta unità stilistica e simbolica fino a sperare di impadronirsene immagati, cosa impossibile! Ci si precipita a guardarla dal fondo della piazza dove iniziano i mille perché: quali sono i significati profondi? Come è possibile tale bellezza con elementi così diversi? Da dove giungono?

Wolters spiega tutto, ma sono troppo ignorante per capire qualche cosa e mi rifugio nei particolari… penso al Divina proporzione di Luca Pacioli quando guardo il pavimento dell’ingresso della porta di Sant’Alipio, nella cappella del cardinale Zen, dove si apriva la Porta da Mar chiusa nel 1508 per lasciar posto al monumento del Cardinal Zen eseguito nel 1515 dal fonditore Pietro Campanato su disegno di Tullio e Antonio Lombardo, Paolo Savin e Giambattista Bregno di cui sono innamorata fin da bambina.

 sanmarco3

Wolfgang Wolters è professore emerito alla Technische Universität di Berlino e ha da molti anni profuso il suo impegno scientifico e concreto per la salvaguardia di Venezia. Ha scritto e curato numerose opere fra le quali: Storia e Politica nei dipinti di Palazzo Ducale (1987), Venezia: l’arte del Rinascimento (1989), Il Palazzo Ducale di Venezia (1990), L’architettura gotica veneziana (2000) e Santa Maria dei Miracoli a Venezia (2003), Architettura e Ornamento (2007).

06._San_Marco_a__53905ef1eb921

 *   *   *

Wolfgang Wolters, San Marco a Venezia

Cierre Edizioni, 2014

 *   *   *

Qui i link ad altre mie recensioni di volumi editi da Cierre:

Tommaso Cevese, Verona, la città e il territorio

Rita Vianello, Il Gondoliere

Giovanni Puppini, Venezia Anni Sessanta

Pier Paolo Frigotto, Di casa in casa: i vecchi mestieri ambulati nel Veneto

Giovanni Matteo Alberti, Storia dell’Isola del Cavallino e sue coltivazioni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...